Dedicato a me di TENA
Home Salute Attività fisica Attenzione! I tradizionali esercizi per gli addominali non fanno bene

Attenzione! I tradizionali esercizi per gli addominali non fanno bene

Quando parliamo di addominali, la prima immagine che ci viene in mente è quella di una donna sdraiata a pancia in su, con le gambe piegate e i piedi appoggiati al suolo, che alza la testa e le spalle per avvicinarle alle gambe. Chi non l’ha mai fatto almeno una volta nella vita, soprattutto in vista dell’estate? Malgrado tutto, gli addominali “tradizionali” sono molto lontani dall’apportare un reale beneficio all’aspetto femminile. Questo movimento implica una forte contrazione dei muscoli addominali (principalmente dei muscoli superficiali dell’addome) e una flessione del tronco. Entrambi i movimenti provocano un grande aumento della pressione all’interno dell’addome e questa pressione si dirige verso il nostro pavimento pelvico. Se questo è debole non sopporterà la pressione e si indebolirà ancora di più, aumentando i rischi di incontinenza urinaria e/o di prolassi.

Gli addominali tradizionali provocano un forte aumento della pressione all’interno dell’addome e del pavimento pelvico, pressione che va contrastata.

Dall’altro lato, durante questi esercizi, i muscoli che lavorano di più sono quelli superficiali dell’addome (obliqui esterni e retti addominali). Sovrallenare questi muscoli può provocare uno squilibrio tra il piano addominale superficiale e quello profondo e ciò può provocare problemi di stabilità della colonna e del pavimento pelvico. Vale a dire che praticare ripetutamente gli addominali tradizionali può provocare mal di schiena e/o incontinenza urinaria e/o prolassi. Ma perché le donne fanno questo tipo di addominali? Nella maggior parte dei casi la ragione è puramente estetica, per riuscire a ridurre il grasso accumulato a livello del ventre e conseguire un addome “a tartaruga”. Comunque, oggi sono noti esercizi addominali che non provocano gli effetti negativi degli addominali tradizionali e che permettono di ottenere maggiori benefici, non solo estetici ma anche sul piano della salute della nostra colonna e del nostro pavimento pelvico. Quali sono? Gli addominali che fanno lavorare contemporaneamente i muscoli superficiali e quelli profondi. Se la pratica di una qualsiasi attività fisica ti ha provocato un indebolimento del pavimento pelvico del quale l’incontinenza urinaria è uno dei sintomi, consulta il medico per risolvere il problema. Nel frattempo, ricorda che è importante poter contare su un prodotto adeguato che ti faccia sentire sicura e protetta, come gli assorbenti specifici TENA, specifici per il PH e la densità dell’urina. Vorresti provarli? Chiedi qui un campione gratuito.  

Articoli simili

  • Identifica il muscolo trasverso dell’addomeIdentifica il muscolo trasverso dell’addome Desideri che i tuoi esercizi del pavimento pelvico siano più efficaci? Ecco la chiave: il muscolo trasverso dell'addome ci aiuta a […]
  • Preparati per la menopausaPreparati per la menopausa Prima di entrare in menopausa presta particolare attenzione a mantenere in forma il tuo pavimento pelvico in modo da evitare problemi; non […]
  • L’incontinenza da sforzoL’incontinenza da sforzo Hai perdite di urina quando starnutisci? Mentre fai esercizio fisico o quando ridi? In questo caso è molto probabile che il tuo pavimento […]
  • Perdite urinarie? Affrontale in 5 mossePerdite urinarie? Affrontale in 5 mosse Affermare di avere un problema è l’unico modo per poter trovare una soluzione. Se devi affrontare l’incontinenza, ti proponiamo una […]
z