Dedicato a me di TENA
Home Pavimento pelvico Incontinenza Cosa sono i centri del pavimento pelvico?

Fino a poco tempo fa, le donne che avevano un problema del pavimento pelvico ricevevano dei trattamenti rivolti alla cura della sola sintomatologia manifestata. Al giorno d’oggi esistono delle équipe pluridisciplinari di specialisti che lo affrontano con una visione integrale.

La medicina, in molte occasioni, avanza al ritmo che le viene richiesto dalla società del benessere. A tal proposito, la maggiore attenzione rivolta al giorno d’oggi alla gravidanza, in seguito all’aumento dell’aspettativa di vita della donna nel mondo occidentale, ha consentito di mettere in rilievo anche le dinamiche del post-parto e della menopausa.
Questo vale anche per i problemi del pavimento pelvico. Fino a poco tempo fa, le donne che avevano un disturbo di tale muscolatura venivano esaminate e curate senza un approccio globale. Ad esempio, si instauravano trattamenti per le perdite di urina senza verificare se la donna soffrisse anche di disturbi sessuali o di costipazione.
Per tale ragione, nell’ultimo decennio, è cresciuta sempre più la necessità di rispondere ad un alto indice di patologie che si associano al pavimento pelvico secondo un approccio integrale, che implica l’azione congiunta di differenti professionalità. Quando il pavimento pelvico si indebolisce, possono insorgere problemi che coinvolgono allo stesso tempo l’apparato urinario, genitale e digestivo.
Queste considerazioni sono alla base della nascita dei nuovi Centri del Pavimento Pelvico, che stanno iniziando a svilupparsi in numerosi ospedali sul territorio nazionale. In essi, un’équipe multidisciplinare, formata da ginecologi, urologi, coloproctologi, fisioterapisti, ostetriche, sessuologi, ecc. affronta in modo congiunto il problema di ogni donna.
Generalmente i centri del pavimento pelvico lavorano i due direzioni:

  • Programmi di prevenzione;
  • Diagnosi e trattamento delle patologie.

La prevenzione è fondamentale e, dato che l’indebolimento del pavimento pelvico inizia solitamente durante la gravidanza e con il parto, sono le équipe di ginecologi, fisioterapisti e ostetriche che si incaricano di stabilire dei programmi pre-parto indirizzati alla riabilitazione della muscolatura del pavimento pelvico, soprattutto per quelle donne che presentano dei fattori predisponenti (sovrappeso, parto gemellare, età superiore ai 35 anni, presenza di perdite di urina al principio della gravidanza…).
Anche la prevenzione post-parto svolge un ruolo centrale. Durante il parto, al momento dell’espulsione del feto, possono manifestarsi danneggiamenti dovuti alla compressione diretta dei nervi o alla rottura delle fibre muscolari per stiramento… Per questo è importante effettuare una valutazione della forza e resistenza del pavimento pelvico, soprattutto in caso di strappi muscolari, episiotomia, uso del forcipe o in caso di parti prolungati…
Se il tuo pavimento pelvico è debilitato e come conseguenza soffri di perdite di urina, ricorda che è importante affidarti ad un prodotto che ti faccia sentire sicura e protetta, come gli assorbenti specifici di TENA, studiati per il pH e la densità dell’urina. Chiedi una prova gratuita.

Articoli simili

  • L’incontinenza da urgenzaL’incontinenza da urgenza Un bisogno brusco, repentino e incontrollabile di urinare, che provoca perdite senza darci il tempo di arrivare in bagno: è questa la […]
  • Tipi di incontinenza urinariaTipi di incontinenza urinaria Non tutti i problemi di incontinenza hanno la stessa e origine, né si manifestano allo stesso modo. Essa può essere generata da uno […]
  • “Ho notato una massa nelle mie parti intime”“Ho notato una massa nelle mie parti intime” Molte donne arrivano preoccupate all’appuntamento con il ginecologo, perché hanno la sensazione di avere una massa che spinge per uscire […]
  • Palline cinesi: come usarlePalline cinesi: come usarle Come usare correttamente le palline cinesi per rafforzare il nostro pavimento pelvico? Qual è il tempo di utilizzo ideale? Scopri le […]
z