Dedicato a me di TENA
Home Pavimento pelvico Incontinenza Perdite urinarie? Affrontale in 5 mosse

Perdite urinarie? Affrontale in 5 mosse

L’incontinenza urinaria spesso è un problema che si ammette a fatica. Ci può provocare un certo imbarazzo e, se non viene affrontata positivamente, può implicare anche problemi più seri a livello emotivo: frustrazione, tristezza e ansia.

Per evitarlo, dobbiamo essere coscienti di avere un problema e sapere che c’è sempre una soluzione. Bisogna solo cercarla.

Negli anni ’70 i ricercatori D´Zurilla e Goldfried hanno ideato una strategia articolata in cinque mosse per risolvere diversi problemi. Questa tecnica è valida anche per affrontare l’incontinenza. Se ti attiverai nel metterla in pratica, sicuramente inizierai a sentirti meglio e ad avere maggiore controllo su te stessa. Ecco come fare:

Passo 1: Sii ben disposta

Le difficoltà esistono e sai che le perdite urinarie capitano a un gran numero di donne. Se parli con qualcuna delle tue amiche sicuramente ti dirà che anche lei ne ha sofferto e che è possibile continuare a vivere bene ricorrendo a diverse risorse. Non agire impulsivamente: fermati, inquadra ciò che ti sta succedendo e inizia a cercare soluzioni efficaci.

Passo 2: Definire l’incidenza delle perdite di urina

Devi comprendere cosa ti sta succedendo. Qual è il problema? Perché lo consideri tale? In quali momenti della giornata si verifica più spesso? Forse si ripercuote sulla tua vita sociale: fai meno attività, riduci il tempo che trascorri fuori casa, eviti di avere rapporti sessuali o hai modificato il tuo modo di vestire e ti senti meno sicura di te stessa.

In base a tutto questo, puoi fissare degli obiettivi. Ad esempio recuperare la tua vita sociale, tornare a vestirti come ti piace o avere una vita sessuale attiva come prima.

Passo 3: Possibili soluzioni

Molto bene, ora che sai cosa ti sta succedendo e cosa vuoi ottenere, chiediti: quali alternative ho per risolvere il problema? Fai una lista di possibili soluzioni: chiedere aiuto a uno specialista, parlare con le persone con cui hai più confidenza, usare assorbenti specifici per le perdite urinarie, fare attività nelle quali ti senti più sicura ed estenderle, poco a poco… Tutto ciò che ti viene in mente sarà un’opzione valida, quante più possibilità ci sono nella tua lista, tanto meglio.

Passo 4: Vantaggi e svantaggi

Ora ci tocca valutare le soluzioni che abbiamo trovato. Scarta quelle che non puoi mettere in pratica e dai priorità a quelle che dipendono da te per la loro realizzazione e che presentano più vantaggi che svantaggi.

Passo 5: Dalla teoria alla pratica

Da dove inizieresti? Il primo punto, imprescindibile, è consultare uno specialista, un medico e/o un fisioterapista specializzato nel pavimento pelvico, in modo che valuti cosa ti sta succedendo. Molte perdite urinarie si risolvono con un trattamento mirato, lo sai?

Fai un programma passo a passo e individua un giorno per iniziare a lavorare su te stessa e a sentirti meglio. In questo modo guadagnerai autostima, ti sentirai più sicura di te e avrai un maggiore controllo sulla tua vita.

Forza! Ricorda, inoltre, che poi usare assorbenti per perdite urinarie, come quelli della gamma TENA. Provali tu stessa. Richiedi qui dei campioni gratuiti.

Articoli simili

z