Dedicato a me di TENA
Home Pavimento pelvico I consigli per rafforzare il pavimento pelvico

Gravidanza, parto, menopausa, invecchiamento e interventi chirurgici possono indebolire il pavimento pelvico. Che fare? Uno stile di vita sano e attento aiuterà i nostri muscoli pelvici a mantenersi in forma! Iniziamo con l’eliminare l’eccesso di fumo, caffè, , alcool e teniamo sotto controllo l’obesità e la stitichezza. Con l’aiuto di uno specialista possiamo trovare il sostegno e la terapia più adatta al nostro corpo.

Perché il pavimento pelvico perde la sua elasticità?

La gravidanza e il post parto sono due momenti importanti nella vita di una donna. In queste fasi il corpo aumenta di peso e cambia, la nostra postura cambia con l’aumentare del peso del feto e a volte abbiamo delle perdite improvvise. In linea generale le piccole perdite sono un fenomeno transitorio e regrediscono nel corso di pochissimo tempo. Si tratta per lo più di episodi legati a sforzi: il peso degli organi interni e del bambino grava maggiormente sulla vescica, che non tiene ai movimenti bruschi (passo di corsa, discesa delle scale, starnuti e colpi di tosse). La muscolatura non è in grado di fornire un adeguato supporto ed ecco che abbiamo la fuoriuscita di piccole gocce. I muscoli del pavimento pelvico possono essere però allenati a contrastare questo inconveniente, allenandoli con costanza sia prima che durante la gravidanza. Ad ogni modo subito dopo il parto mettiamoci all’opera! Fin da subito è possibile fare esercizi per ritrovare la postura corretta e per rafforzare quei particolari muscoli che ci garantiscono la “tenuta”.

Come rafforzare il pavimento pelvico

Rivolgersi al proprio ginecologo è fondamentale per avere una diagnosi completa e quindi, successivamente, portare avanti una terapia corretta.
Lo stile di vita va migliorato, è necessario integrare la nostra alimentazione con fibre, non dimenticarci di bere adeguatamente durante la giornata.
Fondamentale è la rieducazione vescicale che può essere fatta tramite dei semplici esercizi.
Quelli di Kegel, ad esempio, si basano sull’approccio curativo della contrazione della muscolatura pelvica. Il muscolo pubo-coccigeo è quello che viene stimolato e fatto lavorare maggiormente. Gli esercizi consistono in un’alternanza di contrazione e decontrazione della muscolatura che costituisce il pavimento pelvico. Questi sono consigliati nel trattamento e prevenzione del prolasso uterino, il prolasso vaginale e anche per contrastare nell’uomo l’incontinenza derivante dall’iperplasia prostatica e dalle prostatiti. Eseguiamo questi esercizi per 3 volte al giorno, facendo 10 ripetizioni in ciascuna sessione. Ricordiamoci di svolgerli dolcemente e lentamente, per non causare l’effetto contrario dovuto a eccessivo sforzo.
Hai mai sentito parlare della Pelvicore Technique? Questa è una tecnica di ultima generazione che consiste in un programma di esercizi ideato da Kari Bø. È indicato per le donne di ogni età e livello di allenamento: mira a tonificare i muscoli del pavimento pelvico, gli addominali e i muscoli dorsali, con l’obbiettivo di riacquistare l’equilibrio e il controllo del corpo. Con questo allenamento puoi unire gli esercizi del rafforzamento della muscolatura del pavimento pelvico a esercizi più generali di tonificazione muscolare. Già dopo poche settimane di allenamento riscontri dei benefici: l’addome è più tonico, la forma fisica in generale è migliorata, si ha un maggior controllo motorio, mentre i dolori dorsali e articolari diminuiscono.
Su dedicatoame.it ci sono consigli e informazioni utili per imparare a conoscere il tuo corpo.
TENA sa sempre come essere vicina a una donna!

Articoli simili

z