Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Pavimento pelvico Abc del pavimento pelvico – Seconda Parte
banner_MUESTRA

Abc del pavimento pelvico – Seconda Parte

Pavimento pelvico

0 153
Mini-vocabolario riassuntivo dei più importanti termini chiave relativi alle problematiche e alle cure: seconda parte.

K come KEGEL

Arnold Kegel, professore di ostetricia e ginecologia alla University of California di Los Angeles, è tra i più celebri studiosi che, negli anni ‘40, ha condotto alcune ricerche per migliorare, attraverso l’esercizio fisico, le funzioni pelviche femminili e maschili.
I suoi esercizi consistono nel contrarre e rilassare i muscoli del pavimento pelvico secondo determinate sequenze, al fine di rinforzarli. Sono utili sia per le donne che per gli uomini che soffrono di prolasso o incontinenza.

M come MASSA

Se il pavimento pelvico perde elasticità fino a cedere, può accadere che, non riuscendo più a sostenere gli organi come dovrebbe, questi si abbassino fino a “uscire” dalla vagina, restituendo alla donna una spiacevole sensazione di una massa che preme verso le parti intime. Tra le cause più frequenti del prolasso del pavimento pelvico vi sono il parto, l’avanzare dell’età, l’obesità, la predisposizione genetica.

M come MUSCOLATURA PELVICA

Il pavimento pelvico è costituito da muscoli e di legamenti e il suo ruolo è quello di sostenere gli organi pelvici, ovvero vescica, uretra, utero vagina e retto, affinché restino nella loro posizione fisiologica. Possiamo occuparci della salute del nostro pavimento pelvico anche eseguendo regolarmente esercizi (come ad esempio quelli di Kegel o quelli spiegati in questi video) per allenare la nostra muscolatura pelvica, soprattutto in momenti della vita particolari come la gravidanza, il post parto e la menopausa. Valutare lo stato di salute della nostra muscolatura pelvica ci aiuterà a prevenire i disagi e risolvere i piccoli fastidi.

Articoli simili

Lascia una risposta