Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Salute Come alleviare i problemi di sonno in menopausa
banner_MUESTRA

Come alleviare i problemi di sonno in menopausa

Salute

0 1387
3 sono i disturbi più frequenti che causano alterazioni del sonno in menopausa, vediamo quali sono e come limitarne gli effetti.

I 3 disturbi del sonno in menopausa

Il sonno contribuisce a mantenerci in buona salute, agendo su più aree specifiche: neurovegetativa, somatica, emotivo-affettiva e cognitiva.
Se il 15% della popolazione generale accusa disturbi legati al sonno, questa percentuale però aumenta in menopausa: si va dal 25% al 50% delle donne. Inoltre, in postmenopausa, le donne hanno una percentuale di rischio di 3,4 volte più alto di accusare alterazioni del sonno rispetto al periodo della premenopausa.
Eichling & Sahni, nella pubblicazione: “Menopause related sleep disorders”, hanno classificato i disturbi associati alla menopausa in 3 gruppi:
vampate, depressione e insonnia; disturbi del sonno e del respiro; disturbi del sonno e fibromialgia.
I disturbi legati al respiro e al sonno incidono in maggior misura in menopausa ad esempio per l’aumento di peso, oltre che per ragioni endocrine tutt’ora in corso di analisi e studio. Si ritiene inoltre possibile un rapporto di causa effetto fra carenza di sonno (qualitativa e quantitativa) e aumento di peso: questo in quanto la mancanza di sonno aumenta l’appetito, contribuendo quindi a facilitare l’aumento del peso.
La fibromialgia è invece un disturbo di carattere doloroso del sistema muscolo-scheletrico, che si può manifestare con vari sintomi: sensazione di rigidità, frequenti risvegli notturni, sonno non ristoratore, cefalea nucale, emicrania, disturbi gastrointestinali, ecc…

Come migliorare il sonno in menopausa

Attualmente, i disturbi del sonno in menopausa rappresentano un campo ancora aperto alla ricerca e, in alcuni casi, poco indagato. 
La frequenza delle alterazioni del sonno, il forte impatto sulla qualità della vita e altre cause, richiedono un intervento terapeutico più attivo sulle cause che possono scatenarle. Per questo motivo, si apre in alcuni specifici casi identificabili solo previo consulto specialistico una possibilità concreta di normalizzazione del sonno attraverso una corretta e personalizzata terapia ormonale sostitutiva.

 

tena-cta

Articoli simili

Lascia una risposta