Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

TENA Dedicato a me di TENA
Home Sesso Conoscere la sessualità maschile
Richiedi il tuo campione gratuito

Conoscere la sessualità maschile

Sesso

0 1307
4 cose importanti da sapere

Orgasmo
Orgasmo maschile e femminile sono sicuramente diversi, più “mentale” quello femminile e più “fisico” quello maschile, eppure è da sfatare la credenza che l’orgasmo maschile coincida necessariamente con l’eiaculazione poiché quest’ultima, a causa ad esempio dell’assunzione di alcuni farmaci, può avvenire senza il raggiungimento del piacere. L’orgasmo di un uomo può durare dai 5 ai 22 secondi: lo sperma è composto principalmente di acqua, in piccola percentuale da calcio, magnesio, potassio, citrato, glucosio, acido lattico, proteine, sodio, urea, fruttosio, zinco.

Punto L
Se nelle donne il culmine del piacere si realizza con la stimolazione del punto G, per l’uomo esiste un corrispettivo, il punto L. Si tratta di un’area particolarmente erogena e di grande sensibilità e si trova esattamente all’altezza della prostata. La sua stimolazione provoca un’intensa sensazione di piacere. Proprio come per la donna, l’eccitazione e il piacere maschili sarebbero comunque ben più complessi del rapporto sessuale, per questo è importante esplorare insieme e raccontarsi fonti di piacere e fantasie: molto spesso anche l’uomo ha zone erogene da esplorare, come i capezzoli o le orecchie.

Calo del desiderio
Il calo del desiderio è molto frequente, soprattutto tra le coppie più navigate: lavoro, routine, stress, figli e casa di cui occuparsi non lasciano il tempo di condividere desiderio ed emozioni con il partner e da una recente indagine dell’Istituto di Sessuologia Clinica di Roma risulterebbe che il calo del desiderio maschile sia addirittura triplicato nel corso dell’ultimo decennio.
Non lasciamoci intimorire, se una coppia è solida, infatti, ritroverà il modo di riavvicinarsi anche sotto le lenzuola. Come? Innanzitutto senza fare drammi e senza ripicche, cerchiamo di capire perché il partner ci sta trascurando, se ad esempio è un periodo di lavoro intenso o di particolari preoccupazioni, parliamo con sincerità e spirito di iniziativa dei nostri desideri e preoccupazioni, e, perché no, per sperimentare nuove cose, anche a letto.

Fantasie
Noi donne non siamo le uniche ad averle, anche gli uomini infatti hanno le loro fantasie, e l’età non conta!  Il primo passo, a ogni età, è considerare la propria sessualità come qualcosa di naturale e migliorabile, senza falsi miti e tabù. Le nostre fantasie? Parliamone con il partner e facciamocele raccontare, potremmo sorprenderci!

Articoli simili

Lascia una risposta