Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Psicologia E se il tradimento avesse origini biologiche?
banner_MUESTRA

E se il tradimento avesse origini biologiche?

Psicologia

0 147
La teoria è stata recentemente avanzata da alcune ricerche.

Perché gli uomini scelgono di iniziare una relazione extraconiugale o le donne tradiscono i mariti? A rispondere alle domande potrebbero essere uno studio e una serie di ricerche che spiegano perché i partner, uomini e donne, scelgono al di fuori del matrimonio o di una relazione, un nuovo partner. Addirittura, l’infedeltà potrebbe essere collegata all’esistenza di un gene. In una ricerca del 2008, condotta da Walum e colleghi, è stato esaminato l’assetto genetico di 552 coppie sposate o conviventi da almeno 5 anni. Dai risultati è emerso che la presenza di un gene era collegata ad un forte numero di crisi coniugali all’interno delle coppie. Gli uomini in cui il gene era presente hanno mostrato circa il doppio di probabilità di avere una crisi matrimoniale.

Gli studi australiani: il tradimento nasce da un gene

Anche in Australia è stato condotto uno studio sui tradimenti e sui geni: lo psicologo Brendan Zietsch della University of Queensland ha condotto una ricerca con circa 7400 finlandesi gemelli , o fratelli e sorelle tra i 18 e i 49 anni, che vivano in una relazione fissa da almeno un anno. L’obiettivo era di studiare il collegamento fra la promiscuità e le specifiche varianti dei geni recettori vasopressin e oxytocin, ormoni che hanno effetti potenti sui comportamenti sociali come la fiducia, l’empatia e l’attrazione sessuale. Ha scoperto che il 9,8% degli uomini e il 6,4% delle donne avevano tradito i partner, avendo avuto due o più partner sessuali nei 12 mesi precedenti, ma nel caso delle donne c’era uno stretto legame con cinque diverse varianti del gene vasopressin. Nel 40% dei casi, il loro comportamento infedele poteva essere attribuito a questo gene.

Gli scienziati hanno confrontato le abitudini rilevate sia fra gemelli identici, che condividono l’intero patrimonio genetico, sia non identici, con Dna differente. Attraverso modelli d’analisi specifici, hanno analizzato quanto le differenze di comportamento fossero legate al corredo genetico.

Il tradimento: fattori neurobiologici e genetici

Nel corso del 23esimo Congresso dell’Associazione Europea di psichiatria (Epa) di Vienna si è dibattuto su come il tradimento possa essere causato anche da fattori neurobiologici e genetici. Lo psichiatra americano Richard Balon della Wayne State University di Detroit al summit austriaco ha affermato che “ a rendere più inclini alla fedeltà o al tradimento potrebbero essere particolari assetti genetici dei sistemi della dopamina e dell’ossitocina”, neurotrasmettitori considerati l’uno l’ormone del piacere, della ricompensa, della curiosità di nuove emozioni (è coinvolto nell’innamoramento, ma anche nell’assunzione di droghe e alimenti come cioccolato e pizza) e il secondo l’ormone dei legami, delle coccole materne e degli abbracci. Perciò l’ipotesi che emerge è che una variabilità di geni che regolano i due circuiti possa predisporre a comportamenti sessuali differenti: la stabilità di coppia o il bisogno di esplorare.

 

tena-cta

Articoli simili

Lascia una risposta