TENA

Home Pavimento pelvico Incontinenza Parliamo di incontinenza
0 168

Parliamo di incontinenza

Il primo passo per sconfiggerla

Ne soffrono circa 5 milioni di italiani, ma l’incontinenza è ancora un tabù. Non cediamo alla paura. Per molti di noi parlare di questo disturbo equivale ad ammettere una fragilità e spesso preferiamo tacere, nascondendo il disagio ai famigliari e al nostro medico, con il rischio di isolarci in preda alle nostre paure. L’incontinenza non solo è un disturbo più diffuso di quello che pensiamo, ma esistono diversi metodi per contrastarlo e tenerlo sotto controllo e, in certi casi, per vincerlo.

Non rinunciamo alle gioie quotidiane.

Se teniamo nascosto il nostro disagio, non solo rischiamo di entrare in un vortice di insicurezza, ma di rinunciare alle nostre attività quotidiane, ai nostri hobby e ai momenti di condivisione per il timore di essere “scoperti”. Niente di più sbagliato! Non dobbiamo perdere le nostre abitudini o rinunciare alle nostre passioni, dobbiamo solo seguire qualche consiglio per non aggravare il disagio.

Parola chiave: condividere.

Partiamo dalla condivisione: se facciamo fatica a discuterne in famiglia, parlare del nostro disagio con il medico di base o con il ginecologo ci aiuterà a sdrammatizzare e a scegliere le abitudini più corrette. Invece di rinchiuderci in noi stessi, optiamo per attività come lo yoga o il pilates che risvegliano i muscoli pelvici e possono essere inaspettate occasioni per fare nuove amicizie. Adottiamo uno stile di vita sano ed equilibrato rinunciando ad abitudini alimentari scorrette come l’eccesso di alcool, il fumo, una dieta povera di frutta, verdura, legumi e cereali. Il nostro medico, a seconda dei casi specifici, potrà consigliarci terapie specifiche come il biofeedback, la tecnica che ci può consentire di conoscere, comprendere e imparare a gestire i nostri parametri fisiologici. Nelle situazioni quotidiane, possiamo poi adottare gli indumenti intimi specifici per le perdite di urina, comodi e discreti.

Articoli simili

Lascia una risposta