Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Bellezza PROVA COSTUME? BASTA UN PO’ DI LEGGEREZZA
Richiedi il tuo campione gratuito

PROVA COSTUME? BASTA UN PO’ DI LEGGEREZZA

Bellezza

0 55
Ecco come godersi la bella stagione

La bella stagione si avvicina e per alcune di noi l’idea di mostrarsi in costume diventa una vera e propria preoccupazione. Abbiamo paura di sentirci giudicate, o siamo in apprensione per qualche chiletto in più.

Prendiamola con leggerezza e vediamo qualche consiglio per affrontare al meglio la bella stagione.

Non siamo sole!

Uno studio scientifico australiano, condotto dalla psicologa Marika Tiggemann su un campione di donne, ha evidenziato come la prova costume metta a disagio un alto numero di donne che giudicano con troppa severità i propri difetti. Questo meccanismo psicologico è stato chiamato “bikini blues”: richiama proprio la malinconia del sentirsi giudicate per il proprio corpo ed è molto più diffuso di quello che crediamo.

Piacersi non è sempre immediato, ma ricordiamoci che i nostri difetti possono essere trasformati in punti di forza, che la diversità è quello che ci rende speciali e che solo se siamo a nostro agio con noi stesse potremo piacere anche agli altri. Ognuno di noi ha delle parti di sé che non accetta in pieno, ma con autoironia e leggerezza possiamo trasformare le criticità in punti di forza.

Sì al costume intero

Siamo arrivate all’estate con qualche chilo di troppo? Non è necessario farne un dramma, né rinunciare alle vacanze al mare! Spesso le rotondità, se valorizzate, possono farci apparire molto carine e sensuali. Il costume intero, ad esempio, non è solo utile a nascondere qualche piccola rotondità, ma è anche di gran moda. Per valorizzare la nostra silhouette, meglio optare per colori scuri e costumi con scolli a V o a balconcino, che valorizzano il décolleté.

No al fai-da-te

Se vogliamo rimetterci in forma e perdere qualche chiletto, parliamone con il nostro medico di fiducia, il processo deve essere graduale e non vissuto come una privazione.

Articoli simili

Lascia una risposta