Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Menopausa Premenopausa, ma quando inizia veramente? Tutto quello che è utile sapere
banner_MUESTRA

Premenopausa, ma quando inizia veramente? Tutto quello che è utile sapere

Menopausa

0 357
La premenopausa, conosciuta anche come periodo di transizione perimenopausale, è il momento precedente all’insorgere della menopausa.

Nella donna l’età ha un peso fondamentale sulla capacità riproduttiva. Se nell’uomo infatti la produzione degli spermatozoi non si interrompe con il passare del tempo, ma diminuisce pian piano anche nella qualità, in relazione all’insorgere di diverse patologie andrologiche, la fertilità della donna risulta massima tra i 20 e i 30 anni. La donna nasce infatti con un numero di follicoli (le strutture che contengono gli ovociti) prestabilito, che si esaurisce progressivamente senza possibilità di rinnovarsi con il passare del tempo.
Già intorno ai 32 anni si attesta il primo calo della fertilità e un secondo più rapido si verifica dopo i 37 anni, fino ad essere prossima allo zero negli anni che precedono la menopausa, che in genere si verifica intorno ai 50 anni.

Premenopausa

La premenopausa conosciuta anche come periodo di transizione perimenopausale, è il momento precedente all’insorgere della menopausa in cui si attesta un bilancio alterato tra estrogeni e progesterone, i due ormoni secreti ciclicamente dall’ovaio, e dura per un lasso di tempo variabile da donna a donna. L’arrivo della vera e propria menopausa, chiamata anche climaterio, avviene con la scomparsa del ciclo mestruale nella vita della donna.
L’inizio della fase di subfertilità o infertilità si verifica in genere intorno ai 40 anni, ma per alcune donne può verificarsi prima.

Segnali

I primi segnali della premenopausa riguardano il ciclo mestruale, che tenderà a modificarsi e ad essere più irregolare. Altri segnali possono essere gli sbalzi di umore, anche repentini, con una maggiore inclinazione al pianto o al litigio, il calo del desiderio sessuale, secchezza vaginale dovuta alla modifica del livello di estrogeni; aumento di peso, vampate di calore a volte accompagnate da brividi o sudore; disturbi legati al sonno e a volte vera e propria insonnia.

Consigli

Il primo suggerimento è quello di seguire un regime alimentare corretto ricco di calcio, verdure, frutta, fibra e proteine e povero di grassi, accompagnato da regolare attività fisica che restituisce giovamento sia al corpo che alla mente.
Con l’avanzare dell’età si può ridurre la capacità dell’endometrio di interagire con l’embrione, e può verificarsi un incremento dell’incidenza di endometriosi e di fibromi, per questo sono consigliati follow up costanti e controlli medici.

Articoli simili

Lascia una risposta