Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Salute Quando la misura del girovita diventa un segnale da non trascurare
Richiedi il tuo campione gratuito

Quando la misura del girovita diventa un segnale da non trascurare

Salute

0 323
Focus sulla Sindrome Metabolica

Ormai da qualche anno l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha individuato un focus su uno tra i principali problemi legati alla salute degli esseri umani, l’obesità. Gli studi hanno dimostrato che uomini e donne in sovrappeso sono notevolmente più a rischio per diabete, patologie cardiovascolari, ictus e tumori e che sembrerebbe esserci una connessione anche con alcuni disturbi dell’umore, come la depressione.

La sindrome metabolica

“La sindrome metabolica è una situazione clinica a rischio cardiovascolare medio-alto che comprende una serie di fattori di rischio e di sintomi che si manifestano contemporaneamente nell’individuo” racconta Francesco Fedele, ordinario di cardiologia all’Università La Sapienza di Roma. Ma come facciamo a capire se ne siamo affetti? Chiediamolo al girovita. Quello delle donne non deve superare gli 80 centimetri, mentre per gli uomini si può arrivare al massimo a 94. Queste misure non rivelano soltanto un limite estetico, ma purtroppo sono spesso il campanello di allarme per patologie cardiovascolari e purtroppo anche per i tumori.

L’eccesso di cibo e le abitudini poco salutari legate all’attività fisica possono avere ripercussioni sul nostro corpo, perché possono portare a modificare il metabolismo dell’organismo e il funzionamento di ormoni e geni, rendendo irregolare l’attività delle nostre cellule che potrebbero inoltre modificarsi in cancerose, come spiega Antonio Moschetta, professore associato di Medicina interna all’Università Aldo Moro di Bari e ricercatore all’Istituto tumori Giovanni Paolo II: “Casi di obesità e sindrome metabolica sono in crescita in tutto il mondo, mentre il legame tra obesità e cancro diventa sempre più evidente. Con un eccesso di grasso a livello addominale c’è una probabilità più alta di ammalarsi di cancro e di rispondere in modo meno efficace alle terapie.”

Le buone abitudini

Gli studi recenti dismetterebbero come la sindrome metabolica colpisca circa il 30 % degli adulti americani, con conseguente aumento del rischio di andare in contro a malattie cardiovascolari.
Dai risultati di una ricerca pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine risulta che la sindrome metabolica è decisamente più comune nei sedentari rispetto alle persone che praticano attività fisica. Per queste ragioni è importante mantenere il peso sotto controllo, scegliere una dieta equilibrata che preveda il consumo di legumi, verdure e frutta e limiti quello di alcool, bevande gassate e zuccherate, e mantenersi in movimento, 30 minuti di cammino a passo svelto consentono di mantenere una forma fisica ottimale; 60 minuti aiutano a perdere i chili di troppo e inoltre ne gioverà la salute!

Articoli simili

Lascia una risposta