Registrati ora oppure inserisci
la tua email e password per
accedere alla tua area riservata

Dedicato a me di TENA
TENA
Home Salute Attività fisica Sempre in sella a una bici, senza paura di danni alla prostata
banner_MUESTRA

Sempre in sella a una bici, senza paura di danni alla prostata

Attività fisica

0 65
Pedalare senza preoccupazioni per la salute urogenitale è possibile.

Su due ruote

Pedalare senza preoccupazioni per la salute urogenitale è possibile. Un gruppo di ricercatori dello University College di Londra hanno condotto un’indagine, pubblicata sul Journal of Men’s Health, e hanno valutato le probabilità di ammalarsi di 5.300 ciclisti inglesi fra i 16 e gli 88 anni con l’abitudine di pedalare per un tempo compreso fra le tre e le nove ore circa alla settimana. Lo studio mostra come non ci sia legame tra l’uso frequente della bicicletta e infertilità, disfunzione erettile e disturbi alla prostata. Restano minimi dubbi, ma ancora da verificare, solo per alcune patologie prostatiche. Scrivono infatti i ricercatori: “pare che molte ore sulla bici facciano crescere il livello di Psa (l’antigene specifico prostatico che indica la presenza di infiammazioni dell’organo) servono ulteriori conferme e più approfondite analisi per capire se il lieve rischio di cancro emerso non sia dovuto ad altri fattori, primo fra tutti l’età, visto che il tumore alla prostata è il più frequente fra i maschi”.

Lo sport è importante

Muoversi quotidianamente genera effetti positivi sulla salute fisica e mentale di uomini e donne e nel corso della terza età è fondamentale per mantenere corpo e mente sempre in allenamento. Il movimento fa bene a tutte le età e non è mai troppo tardi per iniziare: ritarda l’invecchiamento, previene l’osteoporosi, contribuisce a prevenire la disabilità, la depressione e la riduzione delle facoltà mentali. Praticare uno sport o camminare a lungo tutti i giorni riduce il rischio di ammalarsi, incrementa il benessere psicologico e restituisce molti vantaggi nei rapporti sociali.

Alcuni vantaggi

Praticare uno sport può aiutare a:
– prevenire il rischio di cadute accidentali favorendo l’equilibrio e la coordinazione
– migliorare la tolleranza al glucosio e a ridurre il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2,
– prevenire e ridurre l’osteoporosi e il rischio di fratture, ma anche i disturbi muscolo-scheletrici come ad esempio il mal di schiena,
– avere effetti benefici sull’ipercolesterolemia e l’ipertensione (e riduce i livelli della pressione arteriosa e del colesterolo)
diminuire il rischio di sviluppo di malattie cardiache (e di diversi tumori, come quelli del colon e del seno)
contrastare i sintomi di ansia, stress e depressione aumentando autostima e migliorando i rapporti sociali.

Muoversi su due ruote, in particolare, offre molti vantaggi: “La bicicletta fa benissimo alla zona pelvica perché attraverso la pompa muscolare delle gambe viene attivata la circolazione venosa”, commenta Michele Gallucci, vice presidente dell’Associazione Urologi Italiani responsabile dell’Urologia all’Istituto Tumori Regina Elena Roma.

tena-cta

Articoli simili

Lascia una risposta